Il progetto è stato realizzato dalla classe 2^ di Gramolazzo (LU).
E' stato svolto per imparare e conoscere il teorema di Pitagora e tutte le altre "correnti" che riportano a lui.
Inizialmente abbiamo svolto il lavoro in due metodi differenti, costruendo 2 gruppi:
Il primo gruppo si è occupato del lavoro con le tecnologie, come Internet, Power-Point, ecc., mentre il secondo gruppo ha lavorato sui libri, senza usare nessuna tecnologia............
Abbiamo fatto tutto ciò per vedere se il lavoro veniva svolto meglio con le tecnologie (come si usa maggiormente adesso) o senza le tecnologie (come usava all'epoca).
Successivamente abbiamo creato questa pagina "wikispaces" interamente dedicata alla matematica, dove abbiamo riportato tutti gli argomenti trattati con il nostro lavoro e dove svolgiamo problemi che la nostra professoressa ci scrive.
Vengono svolti comunicando tra noi alunni o direttamente con la prof. per risolvere le nostre incertezze sui problemi di geometria.

(scritto da Michael-kata99)

La documentazione dell'attività è reperibile QUI



Un WIKI (dall’hawaiano “wiki wiki” che significa veloce) è uno spazio web che consente a chiunque vi acceda di modificare o inserire contenuti.
E’ considerato il miglior strumento a disposizione per chi aspira a condividere le proprie conoscenze e a costruirne di nuove in modo collaborativo.


VANTAGGI DIDATTICI ATTESI
Alcune caratteristiche intrinseche del wiki possono essere considerate come vantaggi didattici.
  • Dinamicità dello strumento.
  • Rapidità di accesso alla revisione individuale e collettiva dei contenuti didattici e/o di alcune sue componenti.
  • Possibilità di ripercorrere gli step di avanzamento nel percorso di lavoro.
  • Economicità dell’impiego dello strumento (di tempo e costi).
  • Multimedialità (capacità di integrare diversi media: video, audio, testo, ipertesto, immagini).
  • Generazione di sicurezza rispetto all’appartenenza al gruppo di condivisione.
  • Partecipazione attiva nello svolgimento del compito.


FINALITA’

  • Introdurre sempre più le ICT nella didattica in modo da diversificarla per favorire i diversi stili cognitivi degli alunni.
  • Rendere gli alunni protagonisti del loro apprendimento tramite l’uso delle ICT.
  • Sperimentare i social media nella didattica. Testare la loro utilità anche al fine di rendere più piacevole l’apprendimento.
  • Abituare i ragazzi alla collaborazione tramite il collaborative learning (basato su attività di comunicazione sincrona o asincrona attraverso le quali gli studenti possono accedere a materiali comuni e collaborare allo svolgimento di compiti assegnati o progetti. In questi contesti è fondamentale la presenza di un tutor col ruolo di organizzare, facilitare, monitorare lo svolgimento delle attività didattiche e il clima di collaborazione).
  • Sviluppare le Competenze Chiave di Cittadinanza (previste delle disposizioni ministeriali sull’elevamento dell’obbligo d’istruzione che intendono promuovere lo sviluppo della persona vista in relazione col sé, con gli altri e con l’ambiente naturale, sociale e culturale) che lo studente deve acquisire al termine dell’istruzione obbligatoria. In particolare: imparare ad imparare, progettare, comunicare, collaborare, risolvere problemi.


Tali competenze sono declinate in:
COSTRUZIONE DEL SE’
Imparare ad imparare
ü Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro.
ü Raggiungere l'autonomia operativa, emotiva e comportamentale.
ü Conoscere i propri punti di forza e le proprie aree di miglioramento.
Progettare
ü Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro.
ü Formulare strategie/soluzioni (riferite a problematiche o riflessioni sulle tematiche affrontate).
ü Verificare i risultati ottenuti attraverso il confronto delle esperienze e la produzione di testi riassuntivi di gruppo o individuali.
ü Predisporre lezioni e/o organizzare i materiali e le risorse da inserire nel wiki.
RELAZIONI CON GLI ALTRI
Comunicare
ü Modulare il linguaggio verbale e non verbale.
ü Comprendere messaggi di genere diverso e di complessità diversa, trasmessi
utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali).
ü Utilizzare linguaggi diversi e le diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi
strumenti di comunicazione (cartacei, informatici e multimediali).
ü Usare gli strumenti del wiki per condividere e riflettere anche a distanza facendoli diventare strumenti ordinari nella didattica di ogni giorno.
Collaborare
ü Intessere relazioni con i compagni di classe.
ü Interagire positivamente con gli insegnanti.
ü Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all’apprendimento comune e alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri.
ü Essere in grado di instaurare relazioni sociali a diversi livelli di profondità.
ü Agire in modo autonomo e responsabile.
ü Apprendere in base all’esperienza degli altri.
ü Tollerare le frustrazioni e gli insuccessi.
ü Adattarsi alle situazioni nuove
ü Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale (all'interno della classe, della scuola, del territorio … del web) .
ü Percepire l'insegnante/l'adulto come risorsa (l'insegnante come facilitatore del percorso apprenditivo e non come giudice e controllore).


RAPPORTO CON LA REALTA’ NATURALE E SOCIALE
Risolvere problemi
ü Affrontare situazioni problematiche che si presentano durante l'attuazione del progetto, costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati e proponendo soluzioni.
ü Generalizzare una situazione problematica in contesti diversi da quelli analizzati.
ü Acquisire ed interpretare criticamente l’informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l’attendibilità e l’utilità, distinguendo fatti e opinioni.
ü Distinguere nella quotidianità fra essenziale e marginale.
  • Favorire l’interazione con il docente anche oltre l’orario scolastico.
  • Educare lo studente alla corretta interpretazione dei contenuti scientifici scaricati da internet e alla loro riproposizione scritta.
  • Veicolare “passione” (interesse) per la matematica anche attraverso la conoscenza di personaggi di rilievo, approfondimenti su temi particolari e la risoluzione collaborativa di problemi insoliti.


COMPETENZE DIDATTICHE SPECIFICHE
L’applicazione di un wiki come strategia didattica può dare notevoli opportunità in termini di sviluppo di abilità, tuttavia è da intendersi come componente di una struttura più complessa di strategie e metodologie didattiche.
  • Capacità di peer review (revisione tra pari) dell’itinerario o percorso di costruzione della conoscenza.
  • Abilità di self assessment (autovalutazione) significativo del proprio processo di lavoro e del lavoro della comunità di apprendimento.
  • Capacità di ricognizione rapida dei singoli step di lavoro e co-costruzione delle conoscenze.
COMPETENZE DIDATTICHE TRASVERSALI
  • lavorare insieme su progetti comuni
  • condividere risorse e informazioni
  • riassumere, schematizzare, ordinare
  • conoscere il significato dei termini
  • elaborare le conoscenze in modo scritto e orale
  • concludere la propria attività nei tempi previsti
  • acquisire responsabilità individuale
  • sapersi autovalutare
  • utilizzare software per scrittura di testi, grafica, presentazioni, filmati …
  • utilizzare la LIM
  • utilizzare consapevolmente internet e alcuni strumenti del web 2.0


RISULTATI D’APPRENDIMENTO ATTESI

I ragazzi oltre all’acquisizione dei contenuti proposti dovranno dimostrare di saper “gestire” le pagine del wiki usandone le principali funzioni, di saper usare criticamente internet (e non di fare solo “copia e incolla”) e svolgere attività di problem solving (sia individuale che collaborativa).

IMPLEMENTAZIONE DELL’ATTIVITA’

Intanto utilizzerò lo spazio wiki per assegnare i compiti delle vacanze, che non saranno quindi rappresentati dai soliti esercizi ma da un ripasso dei concetti chiave acquisiti durante l’anno scolastico, tramite la realizzazione di pagine “dedicate” e la compilazione di un glossario, anche illustrato, che contenga terminologia specifica della matematica, breve descrizione di personaggi e teoremi studiati (anche tramite l’inserimento di link esterni o alle pagine già realizzate). Purtroppo non tutti i ragazzi, pur avendo il computer, hanno il collegamento internet, pertanto alcuni dovranno realizzare l’attività in cartaceo o in collaborazione con compagni più “attrezzati”.

Intendo anche riorganizzare, assieme ai ragazzi, il wiki e cambiare anche il nome di dominio, per dedicarlo, come già accennato, alla matematica e non solo ad una “piccola” “tessera” quale è il teorema di Pitagora. Quindi LAVORI IN CORSO!

STRUMENTI DI VALUTAZIONE

Ritengo che, in un'attività collaborativa come questa non debbano essere valutati solo i contenuti e non debba essere solo il docente a valutare.



Criteri di valutazione nella fase di ricerca e pubblicazione delle informazioni:
la partecipazione, la qualità e quantità delle informazioni reperite, la puntualità, il rispetto delle consegne, la cura della presentazione dei contenuti e la presenza di link esterni e tra le varie pagine, l’uso di tag. Utile strumento è la cronologia delle revisioniche conserva traccia delle modifiche apportate (quali, da chi, quando) e consente anche una valutazione sull’operato individuale.
Criteri di valutazione nella fase finale:

il livello di interazione nelle discussioni sulle possibili variazioni da apportare al wiki, la riflessione metacognitiva sull’attività svolta, la capacità autovalutativa (tramite discussione o schede tipo quelle del “cooperative learning”), l’apprendimento specifico sull’argomento (apposita verifica).


Per l’autovalutazione del progetto potranno essere assunti i seguenti indicatori:

  • Progressi degli alunni coinvolti rispetto alla situazione di partenza.

  • Grado di soddisfazione di alunni e genitori.

  • Diffusione attività tra colleghi.





MODALITA’ OPERATIVE
La strategia didattica incentrata sull’uso del wiki ha come fondamento la costruzione della conoscenza come processo aperto, condiviso, collaborativo, ed è espressione di una intelligenza collettiva [1] e connettiva[2]. Dal punto di vista pedagogico si fa riferimento ai principi del "costruttivismo" e dell' "apprendimento collaborativo".
L’ intervento formativo non è di tipo tradizionale, l’insegnante deve facilitare e organizzare le attività attraverso gli strumenti che offre il wiki e che favoriscono un apprendimento flessibile e continuo nel tempo. In tal modo i processi di apprendimento collaborativo potranno esplicare tutto il loro potenziale, consentendo la realizzazione di una “repository” di conoscenze condivise, basata sulla messa in comune e la negoziazione delle conoscenze personali.




[1]Secondo Pierre Lévy è un’intelligenza distribuita ovunque (dove ognuno detiene una parte di conoscenza), continuamente valorizzata (dove ciascuno è fonte di abilità, competenze, attitudini ecc.), coordinata in tempo reale, che porta a una mobilitazione effettiva delle competenze .

[2] De Kerckhove considera l'intelligenza connettiva come una delle forme dell'organizzazione all'interno dell'intelligenza collettiva. La connettività sottolinea fortemente il criterio di scambio in funzione di comunità specifiche e gli apprendimenti sono connessi ai contesti reali e virtuali della comunicazione.